PISTOIASETTE

Bardelli: "Impianti sportivi, non si procede ai bandi perchè manca l'agibilità"

Nell'ultima seduta consiliare abbiamo sentito preannunciare la proroga delle convenzioni che riguardano il campo sportivo "G. Barni" e i campi da tennis di Casalguidi senza motivazioni di particolare gravità. Per quanto riguarda il primo impianto si farebbe riferimento al fatto risibile che un eventuale cambio di gestione metterebbe in difficoltà i 500 giocatori del "Casalguidi 1923 Calcio" e che quindi  sarebbe più opportuno mantenere l'affidamento a un gestore locale, quando per convenzione ormai tutti sanno che la società sportiva che si aggiudica la gara, qualunque essa sia -locale o esterna al territorio comunale-  deve garantire lo spazio per l'allenamento e le competizioni di tutte le altre associazioni. Oltre a ricordare che la procedura di evidenza pubblica è lo strumento più idoneo per assicurare imparzialità e parità di trattamento alle società, vorremmo far notare all'amministrazione comunale, informando nel contempo i cittadini, che il REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE E LUDICO MOTORIE E MODALITÀ' DI GESTIONE ED USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI, adottato nel 2015 dal comune,  prevede che le convenzioni con le associazioni per l'affidamento in gestione degli impianti sportivi comunali abbiano durata quinquennale e che possano essere prorogate con valida giustificazione solo per ulteriori cinque anni. Le convenzioni in essere, stipulate nel 2016 e prorogate di tre anni a causa dell'epidemia COVID, potranno quindi essere ulteriormente prorogate solo di due anni.
Purtroppo le  motivazioni addotte in consiglio comunale a giustificazione della prossima  proroga da parte della giunta  ci appaiono solo semplici pretesti o scuse per poter evitare di mettere a bando la gestione di impianti sportivi privi del certificato di agibilità e pertanto non risultanti  a norma di sicurezza.


redazione

SPONSOR

In evidenza

Bardelli:
Bardelli: